Perché il calzino giallo non va lavato coi capi bianchi

        “Indovina a chi reggi il moccolo”, il programma che mancava  sugli schermi della mia già scintillante vita sociale.

Il sipario si apre su una terra promessa chiamata week end, per arrivarci ci sono voluti cinque giorni tra cronache di Narnia (dicesi neve, dicesi inverno), inciampicamenti in neuroni in disuso di chi fa parte del tuo Truman Show quotidiano e una seduta di lobotomia volontaria per sopportare il tutto.

Programmare la serata, sentire profumo di erase and rewind, i giorni scorsi sembrano una terra straniera e invece no, il molestatore guasta feste (e pure mena sfiga) che ognuno di noi ha di default nella propria esistenza è dietro l’angolo e in meno di 160 caratteri che i tuoi sms mettono a disposizione, ti sei fottuta la serata.   Come? Leggete le prossime righe e lo scoprirete. (Attenzione i contenuti di questo post sono altamente espliciti e a tratti intolleranti verso coloro che ancora credono nella Eldorado del menage a due).

Dicevamo, è sabato sera, apri gli occhi e non sai perché ti ritrovi ad una cena di 16 persone dove tu sei l’ u n i c a single, o zitella o dir si voglia. Da splendida tigre del sabato sera, nello smagliante sorriso di chi non sa cosa l’aspetta, scopri che il tuo tacco 12 ti servirà solamente a slanciarti di più nella tua funzione sociale di candelabro. E così, con la stessa sensazione che si prova quando ci si siede e il tuo ginocchio ripetutamente sbatte contro la gamba del tavolo, ti ritrovi in mezzo a colorite coppie di coetanei , dove per colorite intendiamo tinteggiate con la coloreria italiana.  Là in mezzo, sola, minuscola e per altro affamata, io, la signora Minù del gioco delle coppie, alla mia destra Wilma e Fred della Valcamonica, interessantissimi conversatori grazie ai quali ho scoperto che il colore giallo non va mai mescolato coi capi bianchi, tutt’al più coi marroni, neri, blu scuri. Alla mia sinistra, Jules Verne de noartri e signora, probabilmente prossimi ad un giro del mondo in 80 giorni e ricchi di aneddoti succulenti ambientati in qualsiasi parte del mondo termini in aos, ikistan, asia, ania, ecc… Di fronte a me il protoumano che mi ha messo in questa situazione, che tranquillo fa una trasfusione di saliva a quella che è diventata la sua ragazza (anche)grazie a me, (ci sarebbe un altro post da pubblicare in merito). Cosa si festeggia? L’addio  alla terra della luganega di colei che sta per trasferirsi nella città del proprio ragazzo e che, nonostante ciò imperterrita continua a denigrarla, chiamandola terronia e a brandire con la voce irritante di chi sputa nel piatto in cui mangia, i numerosi difetti dei suoi abitanti. Sono questi i momenti in cui l’amore riecheggia come lo scampanellio di capre ambulanti nei remoti angoli della mia sensibilità, in un belato di rifiuto verso quel fenomeno chiamato omologazione, o meglio “pensavo fosse amore, invece era paura di morire sola come la gattara del paese”.

Io mi sento come un calzino giallo in un cesto di capi bianchi, spaiato e senza capi scuri con cui mescolarsi.

Di lì a poco (ma comunque troppo) sarei approdata finalmente alla mia sospirata festa di Carnevale, due risicatissime ore di dimenamento di bacino, birra (poca) la mia affascintantissima cofana anni settanta capace di attirare morti di figa nel raggio di 20 km e il triste epilogo dello specchietto decapitato. Un brindisi per la mia less ordinary life.

2 thoughts on “Perché il calzino giallo non va lavato coi capi bianchi

  1. Hey there I am so excited I found your blog, I really found you by accident, while I was researching on Askjeeve for something else, Anyhow I am here now and would just like to say thanks a lot for a remarkable post and a all round enjoyable blog (I also love the theme/design), I don’t have time to go through it all at the moment but I have bookmarked it and also added in your RSS feeds, so when I have time I will be back to read a lot more, Please do keep up the superb work.
    oakley o frame lens replacement http://photos2045.com/?keyword=oakley-o-frame-lens-replacement&id=1513

  2. admin

    Hello!
    Thank you very much for yor comment. It has been great form me reading your words today, early in the morning :-) I’m just courious to know how you translated what I wrote… Anyway thank you because comments like yours make me feel willing to start writing again.

    Have a nice day!!!!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>