Ode al vino – P. Neruda

Vino color del giorno, vino color della notte, vino con piedi di porpora o sangue di topazio, vino, stellato figlio della terra, vino, liscio come una spada d’oro, morbido come un disordinato velluto, vino inchiocciolato e sospeso, amoroso, marino, non sei mai presente in una sola coppa, in un canto, in un uomo, sei corale,…

Read More

Hagakure, Yamamoto Tsunetomo

C’è una cosa chiamata “atteggiamento sotto l’acquazzone”. Quando scoppia all’improvviso un temporale, uno può, per cercare di non bagnarsi, spiccare una gran corsa per andare a cercare riparo sotto qualche tettoia nei pressi: senonché uno s’inzuppa lo stesso. Se, invece, fin dall’inizio si è mentalmente predisposti a bagnarsi, non ci si sentirà minimamente sconfitti, quando…

Read More

“Senza di te tornavo, come ebbro”

Senza di te tornavo, come ebbro, non più capace d’esser solo, a sera quando le stanche nuvole dileguano nel buio incerto. Mille volte son stato così solo dacché son vivo, e mille uguali sere m’hanno oscurato agli occhi l’erba, i monti le campagne, le nuvole. Solo nel giorno, e poi dentro il silenzio della fatale…

Read More

Benvenuti

Un’impronta che sia un solco, questo è quello che si propone di lasciare questo blog. Presuntuoso? Azzardato? Si può darsi, ma questo sarà uno spazio caratterizzato da più porte su mondi diversi, su strade intraprese e strade in incognito, ancora da scoprire. Il piano: impressionare le squame del quotidiano, il metodo: postare pensieri, foto opere…

Read More